Nuove tasse solo per cittadini ed aziende Europee…e le OTT continuano a non pagare!

Nuove tasse solo per cittadini ed aziende Europee…e le OTT continuano a non pagare!

 

La crisi economica oltre a prosciugare le opportunità di lavoro per gli individui e le opportunità di crescita e di sopravvivenza per le aziende, induce gli stati ad innalzare le tasse per sostenere tutto il sistema nazionale.

Che poi questo sistema faccia acqua da tutti i buchi, è altro punto da discutere.

Comunque, le tasse devono essere pagate e servono per mandare avanti il paese.

Il pagamento delle tasse è obbligatorio e nessuno può esimersi.

…tranne i soliti furbi che costruiscono artifici societari, sfruttando convenzioni bilaterali e pianificazione fiscale internazionale per eludere ed evadere le tasse in maniera massiva.

Un contribuente, evade in misura proporzionale al volume di affari.

Così come è vero che una miriade di piccoli contribuenti che evadono, possono cumulare enormi somme, arrecando danno allo stato ed alla comunità, l’evasione di una grande azienda multinazionale può essere equiparata e, come nel caso delle OTT che hanno bilanci assai superiori anche a molti stati di piccole medie economie, essere grandemente superiore.

Il beneficio ( illegittimo ) , se questa può essere la parola usata, nell’evadere  le tasse, nel primo caso è distribuito su un grande numero di evasori, mentre nel secondo caso, su pochi.

Il danno cagionato dalle OTT in termini di concorrenza sleale che prosciuga opportunità di crescita per imprenditori ed aziende è immenso!

La pressione fiscale ben oltre il 50% è insostenibile per una economia in qualsiasi stato essa sia.

Il colpo di spugna del Governo Renzi non è più accettabile, così come il continuare a non far pagare tasse alle OTT che hanno una stabile organizzazione in Italia ed in Europa.

Questa politica sta spazzando via la capacità di competere ed innovare.

In Francia hanno deciso di dire basta e Google a breve dovrà pagare, si vocifera, una somma fra i 500 milioni di euro ed 1  miliardi di Euro (!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!) fonte articolo su Key4biz.

In Italia, dominata da correnti lobbistiche e schiava di centri di potere che hanno come priorità il solo benessere di pochi a scapito dei molti, qualcuno ha iniziato a cantare fuori dal coro.

L’On. Boccia con grande coraggio già lo scorso anno aveva provato, inutilmente, a proporre una tassa per tutti gli operatori che se ne infischiano di pagare le tasse dove stanno generando reddito.

Ma la cosi detta “ Web Tax” è stata cancellata sotto la pressione delle lobby e grazie ad un assist perfetto da Matteo Renzi, cancellando l’obbligo di apertura di partita IVA ( come invece è imposto a chiunque voglia offrire prodotti e servizi come quelli delle OTT ).

Solo la grave crisi economica, che sta facendo graffiare il fondo del barile al Ministero delle Finanze, sta facendo riemergere l’idea di tassare giustamente tutti ( fonte articolo key4biz )

In questo scenario si inserisce anche la questione della neutralità della rete e la privacy.

Molto lentamente, ma inesorabilmente, stanno giungendo al pettine tutti quei nodi che connotano una infrastruttura di comunicazione come internet, non poter più essere una esclusiva di società americane.

Infatti le Telco stanno iniziando ad erodere parte del potere delle OTT  Fonte articoli su Key4biz )

Ed il Governo Americano sta tentando di mettere le pezze dove può, senza rendersi conto che oramai il danno è di dimensioni talmente globali, da portare al baratro un impero che nel settore ICT è durato circa 25 anni ( fonte il Corriere Delle Comunicazioni ).

 

ComputArte copyright

Lascia un commento

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA